• 0.000000lag
  • F.I.S.S.

    Federazione Italiana Sup Surfing e Surfing Tradizionale

    Alla comunita’ del Surfing Italiano:

    Comunicato di presentazione

    Qualche mese fa’ avevo lanciato un appello preciso all’opinione pubblica del mondo del surf Italiano tramite Facebook ed avevo chiesto a  coloro che si rispecchiassero  nella mia ideologia del  surfing di manifestarmelo.Come credo  oramai ben sappiate,ritengo che ci sia un altro modo nel vedere il surfing in Italia sia dal punto di vista della cultura che  dello svolgimento della disciplina sportiva vera e propria. Credo altresi’ questo debba essere regolato attraverso la creazione di una  nuova  Federazione Nazionale.

    Hanno risposto al mio appello piu’ persone del previsto.Questo dato  oggettivamente mi  ha dimostrato quanto ci sia una totale insoddisfazione per chi ci governa e ci ha governato fin d’ora ed inoltre quanta potenzialita’ ci sia nel nuovo progettto che sto’ portando avanti.

    Ho lavorato in questi mesi alla creazione di un programma che poi e’ un progetto di sviluppo SERIO del surfing in Italia.La scorsa settimana ad Ostia c’e’ stata un’assemblea a cui hanno partecipato tutti quelli che si identificano con le mie idee ai quali ho esposto il mio progetto che e’ piaciuto ed ho ricevuto quindi l’incarico di portarlo avanti per i prossimi 6 anni come Presidente di questa nuova organizzazione che si chiama  F.I.S.S. Federazione Italiana Sup Surfing & Surfing Tradizionale.

    Vale a dire che ci occuperemo solamente  di Sup Surfing e Surf da onda  inteso come shortboard e longboard, sport secondo la nostra opinione veramente analoghi nella pratica e nella competizione.

    I punti su cui si basa il nostro programma sono:

    1 CULTURA DEL SURFING  Intesa come cultura  del mare ,dell’onda e delle tavole

    2 NORMATIVE cioe’ esatta traduzione ed interpretazione tecnica dei regolamenti internazionali in vigore nei paesi che praticano surfing

    3 FORMAZIONE di istruttori, giudici ma anche dei gruppi sportivi cioe’ delle squadre agonistiche giovanili, juniores ed open maschili e femminili

    4 SVILUPPO inteso come sviluppo degli sports che rappresentiamo sia come pratica sportiva amatoriale accessibile a tutti privilegiando i piu’ giovani, ma anche come sport agonistico attraverso la creazione di un forte team Italiano, selezionato mediante un circuito agonistico di carattere nazionale ,sia di sup surfing che di surf da onda. Per avere un veloce ed immediato sviluppo cercheremo il piu’ possibile di favorire inoltre i nostri associati anche  per quello che riguarda  l’aspetto economico sui costi di tessere , dei corsi istruttori, nonche’ delle tasse gara per lo svolgimento dei contest Nazionali.

    5 ANTIDOPING  se vogliamo crescere nello sport raggiungendo dei risultati di valore si dovra’ anche coltivare e praticare il concetto di antidoping all’interno di quel gruppo che  nel movimento  del surfing Italiano  si confrontera’ regolarmente  nelle competizioni,  la prevenzione  sia come cultura che come disciplina. Ricordo a tutti che le regole antidoping sono oramai obbligatorie per qualunque sport a carattere agonistico e quello sano comincia proprio col bandire tutte le sostanze dopanti.

    6 CRESCITA la crescita della nostra organizzazione verra’ affidata a  tecnici specializzati nelle varie discipline surfing con competenze  comprovate dall’esperienza.Ci saranno poi nel Team di sviluppo della nostra Federazione alcuni dirigenti che daranno un ulteriore contributo attraverso le proprie capacita’  professionali  in campo finanziario, commerciale, d’immagine internet e di marketing.

    il gruppo che sviluppera’ la FISS sara’  cosi’ composto per ordine di eta’:

    FABIO GIACOMINI ,51 anni , di cui 33 spesi nel settore surfing come shaper e praticante , inoltre competenze sportive come giocatore per 30 anni in uno sport di squadra agonistico (Campionati Federali CONI)

    STEFANO IEVA, 41 anni con 4 anni di pratica sup surfing,

    FRANCESCO ADDESSE, 39 anni e 5 anni di pratica sup surfing , la sua specializzazione come Funzionario della Guardia di Finanza  e le competenze in materia finanziaria e tributaria saranno un notevole contributo per la FISS

    FABIO MAI, 36 anni con 2 anni di sup surfing ,le sue capacita’ di responsabile commerciale Fiat  verranno applicate per la crescita  di FISS  nel marketing  ed acquisizione sponsor

    MAURIZIO DE LUCA, 35 anni da 9 nel surfing tradizionale ma anche Ingegnere informatico sara’ il nostro internet designer e delegato alla cura dell’immagine FISS

    Questo il gruppo di lavoro principale , un team in cui ognuno di noi per ciascun incarico ricevuto , sviluppera’ autonomamente a sua volta una propria squadra  per il conseguimento dei propri obiettivi prefissati.

    Nella nostra Federazione c’e'  ancora posto e ci sara’  sempre per tutti  coloro che lo desiderino, perche’ la diffusione di FISS dovra’ essere capillare nel paese, c’e’ quindi molto lavoro da fare ed abbiamo bisogno per questo motivo di molte braccia che ci aiutino. Siete tutti i benvenuti.

    Abbiamo deciso di chiamarci Federazione per due motivi, il primo chiaramente e’ quello di portare avanti un progetto per essere riconosciuti come vera e propria Federazione dal CONI, e sappiamo sin d’ora che il cammino sara’ molto lungo e difficile. Il secondo motivo e’ quello di cominciare partendo dal nostro nome a fare informazione vera e precisa.

    Una delle nostre volonta’ e’ quella di voler fare chiarezza su cosa sia realmente la FISURF che spesso non dice bene chi sia, od omette alcune sue lacune e mancanze.

    Abbiamo adottato come FISURF  il nome “artistico” di Federazione, non siamo infatti riconosciuti direttamente dal CONI ma siamo registrati ad esso attraverso l’ente di promozione sportiva ASI.,come anche FISURF si appoggia a CONFSPORT che tra l’altro per quello che ci risulta non e’ riconosciuto direttamente dal CONI  come Ente ma e’ a sua volta affiliato all’ASI ,lo stesso Ente a cui noi ci appoggiamo.Una volta per tutte ribadisco quindi  che la FISURF documenti alla mano NON E’ una Federazione Nazionale riconosciuta in Italia  ,ma adotta solamente uno Statuto Federativo unica cosa rimastale dopo essere stata esonerata dal CONI quale Disciplina Sportiva Associata con la delibera 1216 del 23 marzo 2002 che pubblicheremo a breve per ulteriore precisazione.La Fisurf e’ membro dell’ l’ISA che pero’ a sua volta non e’ anch’esso riconosciuto dal CONI.Possiamo dire che la FISURF al momento e’ solo titolata a partecipare a competizioni Internazionali svolte dall’ISA con una Nazionale Italiana la quale pero’ non rispecchia il reale livello tecnico del paese, le gare organizzate da Fisurf infatti non hanno nessun riconoscimento ufficiale e nazionale da parte del CONI proprio perche’ questa non e’ una Federazione riconosciuta, in sostanza  chiunque si puo’ chiamare Federazione di Surf  in Italia ma non e’ che in questa maniera cosi’ semplicistica nel diventarlo , si potra’ poi godere dello status rilasciato direttamente dal CONI che e’ ben altro e piu’ difficile  percorso.  Per dirla tutta poi negli ultimi anni Fisurf ha creato anche una discriminazione nel modo di essere selezionati per la  Nazionale in quanto  viene chiesto prima  di tutto quali siano gli atleti che possano auto finanziarsi per la trasferta, e’ successo proprio pochi mesi fa’ durante le convocazioni per il mondiale di Surfing svoltosi a Panama , problema sollevato da alcuni atleti ed ex “Campioni Italiani”. Praticamente secondo Fisurf  solo i ricchi possono entrare in Nazionale, e non i piu’ bravi tecnicamente .

    Questa sara’ la  prima di una serie di informative riguardo la FISURF che andremo a pubblicare  da qui’ in avanti per fare chiarezza  sulla realta’ dei fatti che riguardano questa Associazione che tiene il suo elettorato nell’ignoranza totale non dicendo la verita’ su chi essa sia realmente. Le sorprese vedrete saranno molte e tutte documentate. La Fisurf  ci governa senza aver ottenuto nessun risultato apprezzabile nel tempo, senza aver sviluppato il nostro sport in maniera consona ed aver fatto perdere al movimento del surf  l’occasione di  avere un supporto diretto del CONI massimo organo sportivo in italia il quale l’ha bocciata  per impreparazione e disorganizzazione . Per tutti questi motivi e molti altri che elencheremo in futuro ,non crediamo piu’ nella FISURF ,le abbiamo dato 25 anni del nostro surfing Italiano, credo sia giunto il momento di voltare pagina.

    Per concludere vorrei far presente la posizione che noi adotteremo con tutta  la comunita’ del surf Italiano che sara’ quella di massima apertura e disponibilita’.Diciamo subito che noi siamo disposti a dialogare con chiunque ed accoglieremo qualunque Club affiliato o tesserato fisurf nel nostro gruppo al contrario invece  dell’attegiamento del Presidente ed alcuni dirigenti Fisurf  che hanno adottato  ad esempio nei miei confronti ultimamente , vietandomi l’accesso alle loro competizioni o alle loro pagine internet.

    Il surfing  e’ di tutti e noi cercheremo di unire tutte le realta’ che lo compongono, stando pero’ molto attenti nel rimanere  sempre all’interno dei parametri che il Surfing Internazionale, il quale da prima che noi nascessimo come sport nel nostro paese, ci insegna e suggerisce il percorso piu’ virtuoso nella pratica, disciplina e tecnica del surfing.

    Vorrei ringraziare di cuore tutte quelle persone che gia’ si sono avvicinate ed hanno aderito alla nuova Federazione nonche’ alcuni Clubs italiani,permettendo cosi’ di far nascere F.I.S.S.  col migliore  degli auspici.

    Grazie e buon surfing a tutti i praticanti d’Italia.

    Roma li’ , 09/06/2013

    Federazione Italiana Sup Surfing e Surfing Tradizionale

    Il Presidente

    Fabio Giacomini