• 0.000000lag
  • LOGO-FISS-UFFICIALE_125La FISS – Federazione Italiana Sup Surfing e Surfing Tradizionale, nel suo percorso di vita appena cominciato, ha un grande ed ambizioso progetto: diffondere il nostro sport , il Surfing,  in maniera capillare, sana e seria in Italia rispettando  tutte le regole Nazionali ed Internazionali che lo riguardano . Il nostro surfing purtroppo ora è solamente presente in piccoli “feudi” marini dove spesso, secondo il nostro modesto parere tecnico, non vengono nemmeno diffusi in maniera  appropriata cultura e disciplina sportiva ad esso legata.

    Il surfing Italiano dovrà,  per essere riconosciuto in futuro  come sport vero e proprio ed eventualmente ricevere un mandato Federale dal principale Organo Sportivo Italiano, il Coni, marcare prima di tutto quella netta differenza che c’è in tutti gli sport ovvero tra attività ludica e pratica agonistica  competitiva. Quest’ultima al momento non è assolutamente definita per questo sport in Italia e il ludico, tecnicamente povero e che sarà anch’esso  nostro interesse sviluppare nel suo giusto ruolo,  si mescola  al momento con il competitivo ed agonista creando una rappresentazione  distorta del significato di disciplina sportiva e rispetto delle regole.

    La mia esperienza personale di 30 anni nel Basket agonistico  come giocatore in Campionati Federali Coni, mi ha fatto capire la differenza tra giocare su un campo in parquet, con un team perfettamente strutturato da regole, e calcare invece un playground creato nel cortile di casa con gli amici . Tecnica , disciplina, sacrificio, fatica e rispetto del prossimo e del tuo team nel primo caso , quasi totale mancanza di regole, individualismo e approssimazione  di gioco nel secondo.

    Vogliamo inoltre far conoscere e far apprezzare il nostro stile di Surfing  nel mondo e non essere ancora considerati dopo 25 anni il fanalino di coda tra le nazioni del Surfing Mondiale. Crediamo infatti di avere un nostro stile, unico come tutto ciò che contraddistingue il nostro Paese nel mondo, ovvero il Made In Italy , e che possiamo secondo noi esportare Surfing anziché importarlo come accaduto fino ad oggi. E’ già successo con  “l’Italian Shaping School”, dopo quasi 35 anni dalla sua nascita, che ha permesso ad alcuni shaper Italiani capostipiti di questo mestiere nel nostro paese, di  lavorare ed operare  in nazioni  dove il surfing è un mercato fiorente e sviluppato, nelle terre di campioni e di icone di questo sport.  I nostri shapers hanno con il passare degli anni, acquisito in queste località grande stima e rispetto nel loro lavoro, grazie a serietà, professionalità e soprattutto capacità tecnica. Lo stesso può accadere nel Surfing inteso come Sport se ci mettiamo tutti a lavorare per quest’obiettivo. Umiltà ed unione nel movimento del Surfing Italiano saranno le parole d’ordine per raggiungere lo scopo. Noi di FISS siamo pronti  a dialogare con chiunque e lo abbiamo dimostrato più volte. Vogliamo riuscire a mettere tutti d’accordo purché rimangano invariati quei principi ispiratori che guidano questa Federazione poiché crediamo fermamente questi siano i più efficaci per migliorare il nostro movimento.

    Credo questo sia il momento più opportuno per partire con un nuovo percorso virtuoso del Surfing Italiano grazie alla spinta che ci darà il Sup Surfing. Anche se la maggior parte dei praticanti in Italia ancora non ha capito la reale potenzialità di questo sport perché ancora non  avviati nella maniera corretta in questa disciplina. Come invece sostengo da 6 anni, sono convinto che il Sup Surfing potrà farci arrivare molto lontano in campo Internazionale  se praticato con gli attrezzi e la tecnica giusta. Finalmente potremo allenarci costantemente anche sul nostro mare con onde piccolissime, al contrario di quello che invece risulta molto più difficile col Surfing Tradizionale nelle nostre acque.

    Ciò che chiedo con umiltà  a tutta la comunità del Surfing Italiano, oltre ad aderire al nostro movimento, è di  farci lavorare serenamente in questi sei anni previsti per portare a termine il nostro programma. Se ci darete fiducia tutti, potremo accelerare  i tempi di realizzazione di questo progetto.

    Per un Surfing Italiano migliore.

    Fabio Giacomini